Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Scarica il post in formato pdf.

Elegante, affascinante e classica, Vienna affascina le persone con stili diversi. Una città meravigliosa, che combina l’apprendimento culturale con il tempo libero e il divertimento.

Se stai cercando una pausa dalla routine quotidiana, Vienna è la destinazione ideale per te!

Ci sono molti posti da visitare nella capitale imperiale della musica classica.

Considerata come una città pulita, sicura e ben servita, Vienna è in cima alla lista della città con la migliore qualità della vita quasi ogni anno.

Nella capitale austriaca, è possibile vedere alcuni dei palazzi più impressionanti del mondo, visitare numerosi musei, fare una passeggiata tra grandi edifici e monumenti, rilassarsi nei suoi parchi ben curati o provare la sua famosa Sacher in un caffè storico, e molto altro.

Quindi, se hai una sola giornata, puoi approfittarne e controllare il nostro elenco delle cose da fare in 1 giorno a Vienna.

Vienna da vedere

Se (sfortunatamente) hai solo un giorno per visitare Vienna, ti consigliamo di scegliere luoghi che non siano troppo distanti l’uno dall’altro per risparmiare tempo. Questo è il motivo per cui abbiamo selezionato alcune destinazioni per visitare Vienna a piedi.

Ti suggerisco di salvare questi luoghi con un ❤️ su google maps, così quando sarai lì potrai leggere il paragrafo corrispondente.

Ecco i posti che esploreremo!

Questo è un punto di partenza ideale per i turisti che intendono visitare Vienna.

La Piazza di Santo Stefano (in tedesco: Stephansplatz) è la piazza situata nel centro geografico della città. Essa prende il nome dal suo edificio più importante: la Cattedrale di Santo Stefano (Stephansdom).

Vuoi sapere qualcosa di particolare? La piazza che circonda la Cattedrale era originariamente un cimitero!

Il cimitero cessò di essere utilizzato all’inizio del XVIII secolo. Fu trasformato in una piazza in occasione dell’ingresso trionfale in città di Francesco II al ritorno della sua incoronazione a Francoforte nel 1792.

Di fronte alla cattedrale c’è la moderna Haas Haus, opera controversa di Hans Hollein, costruita tra il 1985 e il 1990, caratterizzata dall’uso di pietra chiara e specchi.

Questo lavoro cerca di riprodurre la funzione “nexus”, che la Stock-im-Eisen-Platz aveva tra gli spazi di Stephansplatz e del Graben.

A sinistra di Santo Stefano si trova l’elegante facciata del Palais Erzbischöfliches. Questo palazzo arcivescovile fu costruito in stile barocco durante la prima metà del XVII secolo secondo un progetto del fiorentino Giovanni Coccapani.

Tramite il passaggio numero 6 di Stephansplatz, è possibile accedere al Dom e Museo diocesano.

Non preoccuparti, Vienna non è solo storia! Le strade attorno a Stephansplatz sono i luoghi più frequentati per fare shopping durante il vostro soggiorno a Vienna

Pensi che visitare chiese e cattedrali sia noioso?

Bene, visitare una cattedrale viennese può essere anche divertente! Tutto dipende dalle storie che vi sono nascoste e da come vengono raccontate.

Seguendo il nostro percorso, a pochi metri da Stephansplatz si trova la Chiesa di San Pietro, conosciuta anche come Peterskirche. È forse una delle chiese più belle della città che è stata ispirata dalla famosa Basilica di San Pietro a Roma.

Costruita su un pavimento che ospitava la prima chiesa cristiana in un periodo antico (fondata da Carlo Magno in persona), l’attuale tempio risale al XVIII secolo. L’attuale chiesa in stile barocco fu costruita nel 1703 dopo aver subito 2 incendi. L’opera di Lukas von Hildebrandt fu consacrata nel 1733.

Anche se non è una chiesa molto grande, noterai la bellezza delle sue statue, sovraccarica di angeli dorati. Rimarrai lí a contemplare l’arte e le sue decorazioni.

Nella parte centrale sovrastata da una grande cupola, si affiancano due torrette, opera di Matthias Steinl, autore di molte delle decorazioni interne. Sull’altare, c’è un dipinto fatto dal pittore barocco austriaco Johann Michael Rottmayr nel 1714. In esso viene raffigurata l’assunzione della Vergine Maria. L’altare barocco è opera di Santino Bussi e Antonio Galli, membri della famiglia Galli-Bibiena. Questa fu una famiglia importantissima di artisti italiani del XVII e XVIII secolo.

Sí, é dove ha vissuto la principessa Sissi!

Dalla chiesa di San Pietro per arrivare al palazzo Hofburg dovreste impiegarci circa 10 minuti camminando. Visitare il “Castello di Sissi” vale la pena, perché è il più grande castello della città!

Situato nella “città vecchia”, questo lussuoso edificio è una residenza imperiale in cui viveva la maggior parte della regalità della storia austriaca. La dinastia degli Asburgo vi rimase per oltre 600 anni!

Questo palazzo imperiale, che in origine era un castello del XVIII secolo e poi fu trasformato in una lussuosa residenza, fu abitato fino al 1918 dalla famiglia reale.

Mentre il Palazzo di Schönbrunn è noto per essere la residenza estiva preferita dagli imperatori, l’Hofburg Palace ne era la residenza invernale.

Attualmente, in questo edificio storico vive il presidente dell’Austria e si svolgono congressi e mostre d’arte.

A questo complesso di Hofburg appartengono istituzioni come la chiesa degli Agostiniani, la Biblioteca nazionale, la Scuola di equitazione spagnola e i musei di Vienna come il Museo Albertina, i musei Gemelli, il Museo Etnografico e il MuseumsQuartier.

Comprende inoltre, gli appartamenti imperiali, la Camera del tesoro, la Piazza degli Eroi, il giardino e la Porta Svizzera, un importante centro congressi con 35 camere e la famosa Cappella Imperiale, che costituisce la parte più antica dell’edificio. A tutte queste attrazioni devono essere aggiunti caffè, ristoranti e parchi, appositamente preparati per il tuo riposo dopo i tour. Inoltre, c’è la possibilità di visitare il Museo Imperiale di Sissi, dove è possibile vedere come è stata la vita e la storia di questo personaggio cosí famoso.

Essendo il principale simbolo del passato imperiale nel paese, questa è una tappa obbligata! Ne uscirete senza parole!

Quindi, dopo aver bevuto un caffè, camminando 5 minuti e arriveremo ai “Twin Museums”.

Il Museo di Storia Naturale e quello di storia dell’Arte sono effettivamente gemelli ed entrambi costruiti durante il regno dell’imperatore Francesco.

L’enorme collezione del primo (oltre 20 milioni di oggetti) era la collezione personale dell’imperatore, che acquistò da un ricercatore fiorentino piú di 30.000 fossili, pietre preziose e minerali.

Francesco I, che ha anche fondato l’Orto Botanico e lo Zoo di Schönbrunn, ha continuato a espandere questa collezione per tutto il suo regno. Finanziò spedizioni in luoghi lontani come le Antille e il Venezuela, per raccogliere materiale.

Ecco cosa troverai!

Le collezioni spaziano dai minerali a un planetario digitale e un dinosauro animato, attraverso fossili rari ed estremamente antichi, meteoriti, coralli e molluschi, e un’impressionante mostra antropologica che traccia l’evoluzione dell’essere umano fin dalle sue origini.

Tra gli oggetti più pregiati ci sono: la Venere di Willendorf, risalente a 29.500 anni fa, e la mucca di mare di Steller, un mammifero sirenide che si estinse intorno al 1854 e viveva nelle vicinanze dell’isola di Bering (penisola di Kamchatka).

La collezione di meteoriti, con oltre 1.100 rocce, è la più antica e più estesa del mondo. Alcuni di loro sono particolarmente grandi, come la pietra Knyahinaya, del peso di circa 300 chili. Puoi anche vedere le pietre provenienti dalla luna e da Marte.

In poche parole, puoi visitare i Musei Gemelli e vedere cose che non potresti trovare da nessun’altra parte al mondo!

 

Ormai sarà già quasi giunta la sera, ma hai ancora un po’ di tempo per visitare l’Opera di Vienna, a soli 10 minuti dai Musei Gemelli.

È uno dei teatri d’opera più importanti del mondo, assolutamente da non perdere a Vienna. Durante la sua stagione offre più di 300 spettacoli, con un programma che cambia ogni giorno e in cui si esibiscono artisti di fama internazionale.

Il lusso e lo splendore, simbolo della Vienna imperiale, sono le caratteristiche principali di questa scena lirica unica situata sul “Ring” di Vienna e risalente alla metà del XIX secolo e inaugurata nel 1869 con la presentazione di un’opera del grande Mozart!

Tuttavia, nel 1945, durante la seconda guerra mondiale, una bomba la distrusse quasi completamente e dovette essere ricostruita per riaprire nel 1955.

Con una tecnologia più avanzata rispetto alla sua versione originale, oggi l’Opera di Vienna presenta scale in marmo, una hall impressionante, una sala da tè e un auditorium incredibile per 2.800 persone. Per passeggiare al suo interno è necessario farlo attraverso visite guidate, che sono offerte in diverse lingue e permettono di ottenere una visione dall’interno del palcoscenico.

Ti svelo un piccolo segreto… In pochi lo sanno ma puoi vivere la magia dell’Opera rimanendo in piedi ad un prezzo molto basso (3-4 euro)!

La chiesa di San Carlo è un edificio d’arte barocca situato a Karlsplatz, 200 metri dalla Ringstraße, chiudiamo cosí il tour con questa incredibile architettura!

La sua origine risale al 1713 quando una pestilenza colpì la città e causò la morte di circa 8 mila persone. Data l’ampiezza di questa epidemia, l’imperatore Carlo VI promise alla popolazione che dopo essersi sbarazzati di questa malattia sarebbe stato costruito un tempio in onore di San Carlo, l’eroe della lotta contro la peste del 1576. In questo modo, l’architetto austriaco Johann Bernhard Fischer von Erlach ha iniziato la costruzione che sarebbe culminata 25 anni dopo. La struttura della Chiesa di San Carlo combina diversi stili. Le due colonne esterne sono ispirate alla Colonna di Traiano a Roma e la decorazione a spirale presenta scene della vita di San Carlo Borromeo.

Inoltre, all’interno della chiesa evidenziamo la cupola in cui è possibile vedere un affresco del 1725 di Johann Michael Rottmayr di Salisburgo noto come “L’apoteosi di San Carlo Borromeo”.

Divertirti a prendere l’ascensore, sí hanno installato un vero e proprio ascensore, fino alla cima della cupula dove è possibile dare un’occhiata più da vicino ai dipinti!

Questo tempio in onore di San Carlo Borromeo è uno dei più interessanti della città, ogni turista che visita Vienna dovrebbe impiegare alcuni minuti per esplorare questo luogo storico cosí meraviglioso.



Opere, musica, teatro, ballet e danza sono offerte culturali che non mancano in questa città riconosciuta e apprezzata a livello mondiale per il suo patrimonio culturale e artistico.

Vienna è stata la culla di grandi compositori come Mozart, Beethoven o Strauss, quindi la sua visita è un’esperienza indimenticabile per gli amanti dell’arte, dell’architettura, della storia e dei paesaggi idilliaci.

Ora che sai cosa vedere in 1 giorno a Vienna parti e sicuramente vorrai tornarci!

Scarica il post in formato pdf.

Scarica la guidapocket gratuita
da portarti in viaggio con altri consigli
su come muoversi!